DecidiTorino

Indietro

abbonamenti GTT

nino nino  •  27/09/2018  •    2 commenti  • 

Sono d'accordo alla chiusura del centro alle auto estenderei il più possibile le zone pedonali .Dobbiamo rendere le città più vivibili e una delle soluzioni è favorire l'uso del mezzo pubblico .Ma per fare questo biogna anche renderlo competitivo e assolutamente conveniente.Gia l'dea del biglietto giornaliero a 3€ la ritengo eccezzionale ,buona ma inviterei a spingersi anche agli abbonamenti che non devono essere in base all' ISEE in quanto non è che il ricco inquina più del povero (poi non prendiamoci in giro in Italia non sempre un ISEE basso corrisponde ad un povero basta vedere le dichiarazioni dei redditi dei professionisti o gli articoli dei giornali dove i titolari di gioellerie dichiarano meno delle commesse quindi hanno un ISEE inferiore) se vogliamo favorire lìuso dei mezzi pubblici e fare abbonamenti (quindi diminuisci anche  gli evasori dei biglietti) devi far pagare un prezzo politico favorendo abbonamenti aziendali dove l'azienda si accolla parte della spesa oppure ai 65 enni dare a tutti, appena compiuto gli anni, un abbonamento annuale a prezzi simbolici   esempio 120€ annui. (10 € mese) sono certo che GTT incasserebbe di più perchè lo farebbero tutti ricchi e poveri ,così anche il ricco prende l'autobus e non va in centro in auto ad inquinare..

Commenti (2)


È necessario iniziare la sessione o registrarsi per commentare.
  • PAOLO BARO
    PAOLO BARO  • 17/10/2018 13:37:56

    senza un servizio pubblico efficiente non è ricevibile la proposta di chiudere il centro. per il resto è giusto che le persone siano libere di viaggiare, non sono le auto che provocano inquinamento invernale, difatti in estate non c'è nessuna forma di inquinamento. Il mito dei diesel è una fake. i ricchi paghino pure, non hanno certo problemi.

    Nessuna risposta
  • Monica Turcato
    Monica Turcato  • 30/09/2018 19:48:53

    BUONGIORNO SONO ABBASTANZA FAVOREVOLE ALLA TUA PROPOSTA SOPRATUTTO PER QUANTO RIGUARDA LE FASCE ISEE, VISTO CHE C'E' MOLTO LAVORO IN NERO IN ITALIA, IO AGGIUNGEREI DI NON ESCLUDERE GLI STUDENTI E/O GLI ABITANTI DELL'HINTERLAND DI TORINO COME NON ESISTONO POVERI E RICCHI NN ESISTONO CITTADINI DI SERIE A O DI SERIE B ... PERCHE' UNO STUDENTI DI COLLEGNO DEVE PAGARE 285 E UNO DI TORINO CON L'ISEE PAGA MENO. BELLA PROPOSTA,

    Nessuna risposta