DecidiTorino

Indietro

Basta proprietari di cani maleducati che sporcano, adesso smascherati e multati

lino.74 lino.74  •  27/11/2017  •    7 commenti  • 

Manco farlo apposta trovo un dibattito simile al mio fatto poco fa da Alida, in realtà avevo preparato tutto già prima e l'avevo portato alla presentazione della piattaforma questa mattina pensando che ci fosse lo spazio per discuterne, visto che la mia soluzione è diversa la scrivo lo stesso:

Io suggerisco di portare a Torino un metodo che in altre città sta in gran parte risolvendo il problema delle deiezioni canine lasciate da proprietari maleducati che, oltre che sporcare i marciapiedi, sporcano anche i parchi frequentati  da bambini.

Prendendo spunto da una sperimentazione che in un quartiere di Napoli ha portato alla riduzione del 70% delle deiezioni in strada, anche nel Comune di Malnate (Varese) l’Amministrazione ha deciso che entro il 31 dicembre, tutti i possessori di cani residenti nel comune hanno l’obbligo di effettuare il test del DNA al proprio animale tramite prelievo di campione salivare. 

Tali informazioni consentiranno, una volta completata la banca dati, di risalire al proprietario maleducato e di sanzionarlo.

Non si tratta di una procedura difficile, basterà avere un regolamento, un laboratorio, e il gioco è fatto: una volta capito che non la si fa’ franca, pena una multa, tutti i proprietari dei cani saranno più accorti nel lasciare pulito il marciapiede o il parco così come l’hanno trovato. 

I costi non esagerati: sarà di circa 20/25 euro a testa ma, nel Comune di Malnate, la campagna per il prelievo del DNA sarà pagata, oltre che dalle sanzioni, anche dalla ditta che cura la raccolta della spazzatura poiché, a regime, ci sarà un risparmio anche per loro. 

Oggi, ogni uscita straordinaria per raccogliere le deiezioni in strada distoglie un operaio dal normale turno di pulizia mentre, con la riduzione delle deiezioni dei cani sui marciapiedi, sarà la stessa azienda a risparmiare tempo e lavoro.

Concludo riepilogando i vantaggi:

-    Città più pulita

-    Maggiore crescita del senso civico dei cittadini

-    Vantaggio per proprietari onesti: quest'ultimi si troveranno gratuitamente in possesso della mappatura genetica del loro animale: informazione utile sia per definire il pedigree o le razze di provenienza dei meticci, sia per risalire e prevenire l’insorgere di malattie genetiche.

Commenti (7)


È necessario iniziare la sessione o registrarsi per commentare.
  • Irene Gatti
    Irene Gatti  • 28/11/2017 07:29:52

    Sono d'accordo, ma come la mettiamo con tutti quei cani non registrati all'anagrafe dai relativi proprietari, che sottovalutano addirittura l'importanza del microchip o dei vaccini del proprio animale? Bisognerebbe rivoluzionare tutto a monte!

      • lino.74
        lino.74  •  Autore  • 28/11/2017 09:31:35

        Infatti nel quartiere di Napoli il risultato è stato un calo del 70% che non é un 100% ma é una bella diminuzione. Non so voi ma io sono decenni che sento la gente lamentarsi e non ho mai visto una soluzione che desse questi risultati, non si tratta di una idea da verificare ma di qualcosa che altrove sta funzionando (un po' come DecidiTorino che prende spunto da Madrid).

        Nessuna risposta
  • marco rusty
    marco rusty  • 27/11/2017 23:20:21

    Prima delle Multe, penserei ai Servizi.
    Torino è carente di aree cani, in centro praticamente non ne esistono.
    Combattere la maleducazione è impresa alla Don Chisciotte, mi aspetto proposte più costruttive...

      • lino.74
        lino.74  •  Autore  • 27/11/2017 23:35:09

        A me sembra costruttiva e una proposta non esclude un'altra. Il fatto che non ci siano aree cani non giustifica chi sporca, vedo tante persone educate che, armate di sacchetti, puliscono quindi non è quello il motivo.
        Ho un bimbo di 1 anno e mezzo e non sopporto l'idea che non posso farlo camminare tranquillo nel parco perchè degli incivili sporcano senza pulire. Poi, se in altri luoghi ha funzionato non vedo perchè non provare anche a Torino.

        Nessuna risposta