DecidiTorino

- Tram linea18 -

  6 commenti  •  01/02/2018  •  Enrico Mosca

Salve, 

vista gli ultimi dati dell'Arpa e il costante inquinamento, perchè non rimettere il tram sulla linea 18?. Essendo una delle linee più frequentate (secondo i dati dei Bip) e ad alta frequenza di passaggi, sarebbe molto più ecologico nonchè decisamente più veloce degli attuali pullman (ormai lenti e obsoleti). Si potrebbe così invogliare sempre di più la gente ad utilizzare il mezzo pubblico e la mobilità sostenibile. Il percorso, le rotaie e le pensiline ci sono già, basta solo reinserire il tram! 

 

Non sono d'accordo 10%
32 voti

Regione Piemonte debito

  Nessuna commento  •  03/07/2019  •  Mcbarros

La Corte dei Conti ha valutato positivamente la leggera riduzione del debito del 2018 da 9,8 miliardi a 9,6. Il Governo della Regione ha quindi ben lavorato per ridurre questo debito che grava sulle nostre singole tasche senza considerare quello che grava sulle tasche dei cittadini torinesi. Questo non è un DEBITO PUBBLICO di montiana memoria. E' un debito verso banche e enti vari che va quindi ripagato. Vorrei aprire un serio dibattito che punti a chiarire quando dove e da chi è stato creata questa voragine e perchè le Olimpiadi di Torino 2006 non siano ruscite a ridimensionare questo enorme buco. Grazie.

Non sono d'accordo 0%
Nessun voto

Biglietto elettronico con integrazione bike sharing

  4 commenti  •  21/12/2017  •  Fabio Nota

Spero che uno degli obbiettivi a breve termine dell'amministrazione sia quello di inserire finalmente un biglietto elettronico, da fornire (o quasi) a tutta la popolazione, unico per ogni tipo di mezzo pubblico, in modo da eliminare l'evasione di chi non ha fatto in tempo a capire dov'è, cercare un tabacchino, sperare che sia aperto, comprare il biglietto e correre alla fermata del bus. Sarebbe anche un sogno vedere integrato nella Carta dei Trasporti la possibilità di utilizzare il bike sharing [TO]Bike.

Non sono d'accordo 5%
22 voti

Realizzare la via pedonale più lunga d’Europa

  8 commenti  •  27/12/2017  •  Gregorio

Via Garibaldi è attualmente la seconda strada pedonale più lunga d'Europa con 963 metri, in questa particolare classifica è preceduta dalla sola Rue Sainte-Catherine a Bordeaux con 1.200 metri. Perchè non provare a diventare i primi? 

Propongo i seguenti interventi a basso costo (tranne uno) che sommati garantirebbero una strada pedonale di 4 km.

- Piazza Statuto - Pedonalizzare totalmente la parte est. Con l'occasione si potrebbe anche sistemare la parte ovest in prossimità delle fermate degli autobus. Si potrebbero chiudere i due parcheggi laterali in superficie, utilizzati dalle auto anche solo per attraversare quel tratto di piazza, e realizzare due aree verdi.

- Via Garibaldi - Non necessita di interventi.

- Piazza Castello - Chiudere la parte est al traffico privato. Di fatto comporterebbe la chiusura totale della piazza al traffico privato perchè le auto provenienti da Via Pietro Micca non avrebbero più uscite ad eccezione di Via Viotti.

- Via Po - Pedonalizzare le corsie laterali.

- Piazza Vittorio Veneto - Chiudere al traffico privato in direzione est-ovest ed eliminare la sosta in superficie.

- Ponte Vittorio Emanuele I - Pedonalizzare le corsie laterali.

- Piazza Gran Madre - Il punto più critico e l'unico che comporterebbe costi rilevanti. Propongo di riprendere il progetto del sottopassaggio veicolare della piazza tra i corsi Moncalieri e Casale e del ponte di Corso San Maurizio. Tali opere consentirebbero di pedonalizzare anche i Lungo Po Diaz e Cadorna prospicenti i Murazzi intercettando il relativo traffico.

- Via Villa della Regina - Pedonalizzare la strada e piantumare uno/due filari di alberi (come suggerito in altri dibattiti). Un percorso pedonale in sicurezza invoglierebbe molti turisti, soprattutto stranieri, a percorrerlo per visitare la Villa.

Non sono d'accordo 9%
37 voti

Riduzione degli sprechi: installazione contatori acqua

  14 commenti  •  30/11/2017  •  Gregorio

Buonasera,

propongo l'installazione dei contatori dell'acqua in tutte le singole unità abitative. Il costo medio di un singolo contatore analogico è di circa € 200 IVA e manodopera inclusa, inoltre scegliendo un unico installatore per l'intero condominio c'è la possibilità di trattare sul prezzo. Credo sia un costo sopportabile per ogni famiglia, ammortizzabile con i risparmi conseguiti nel tempo. Il pagamento a consumo effettivo stimolerebbe un uso più responsabile dell'acqua (soprattutto in periodi di siccità come gli ultimi mesi) ed eviterebbe di vedersi addebitare gli sprechi altrui nel consuntivo delle spese condominiali, una spiacevole situazione purtroppo molto diffusa.

Il Comune potrebbe avviare una campagna di sensibilizzazione dei cittadini in favore dell'installazione oppure essere promotore di tale misura presso gli Enti competenti affinché la stessa sia resa obbligatoria.

Non sono d'accordo 20%
26 voti

Ma la lotta alla malasosta?

  2 commenti  •  16/03/2018  •  Fabio Nota

Sono scettico riguardo alla vera utilità di questa piattaforma, pare solo un contentino senza alcuna conseguenza pratica.

se dovessi sbagliarmi, e spero di essere smentito, vorrei davvero avere delle risposte esecutive nei confronti dell'inciviltà imperante in città.

È assurda e pazzesca la situazione. Mi vergogno di essere parte di una comunità che rimane pressoché immobile nei confronti della giornaliera giostra che chiunque deve affrontare per le strade di Torino.

Chiamare la polizia Municipale è un terno al lotto, quando non ricevi la risposta “conosciamo il problema” ricevi quella “mettiamo la segnalazione in nota”.

ma se il problema è noto e a parole “verrà notificato” com'è che la gente continua a fregarsene impunemente? Ho l’impressione che la decantata lotta alla malasosta (sulle ciclabili, sui marciapiedi, in mezzo alla strada) sia un bello slogan dei soliti senza alcuna azione pratica. 

Ripeto: mi vergogno di questa comunità e mi vergogno di mostrarla al crescente numero  di turisti che visitano la nostra città.

Tutti dovremmo esigere delle risposte, le Olimpiadi le facciamo tutti i giorni noi ciclisti e automobilisti. Basta.

Non sono d'accordo 18%
39 voti

Più rastrelliere biciclette

  5 commenti  •  28/11/2017  •  Enrico Mosca

Con l'aumentare dei servizi di bike sharing e di bici private come soluzione alternativa all'uso della macchina, chiedo se è possibile aumentare il numero di rastrelliere e di aree adibite al parcheggio delle biciclette. Questo sarebbe anche utile per coloro che, utilizzando il bike sharing, sono obbligati a depositarle in queste aree, pena una sanzione. 

Se è possibile inoltre proporrei che queste aree siano meglio segnalate con appositi cartelli o speciali "totem" come quelli nelle stazioni TObike, per renderle più visibili. 

Inoltre in questo modo si incentiverebbe di più il cittadino all'uso della bici.

Non sono d'accordo 7%
83 voti

RespiraTOday - Torino merita un'aria nuova?

  11 commenti  •  06/12/2017  •  iacopolivia

Da un gruppo di ragazzi dell’Università di Torino (SAA), incaricati di progettare un evento per fini scolastici, è nata un’idea decisamente particolare: 

“anziché fare un compitino, perché non rendere il progetto reale?” 

ecco dunque che nasce l’idea di RespiraTOday, un evento che punta non solo alla sensibilizzazione, ma soprattutto alla realizzazione pratica di diverse iniziative:

- Tree Planting

- Street Art Fotocatalitica

- Cibo Km 0

- Piantine Indoor

...e tanto altro.

Cercheremo di coinvolgere enti pubblici, scuole, associazioni e soprattutto abitanti consapevoli della città.

Che ne pensate? Dateci tutti i consigli e le opinioni che vi vengono in mente, saranno preziose per noi.

Grazie in anticipo :D da Iacopo, Emanuele, Carlo, Federico, Francesco e Andrea  

Non sono d'accordo 5%
24 voti

Svoltare dal viale

  Nessuna commento  •  25/01/2018  •  Noel

Volevo denunciare l'ormai prassi legittimata (visto che non vedo mai nessun vigile rilevare multe) di molti torinesi di svoltare a sinistra direttamente dal viale creando situazioni di pericolo per se stessi e per gli altri.

Esempio: corso regina in corrispondenza del rondò della forca, sono tantissimi che invece di prendere il controviale e diligentemente aspettare il semaforo, svolta direttamente dal viale creando code e rotture di scatole a chi vuole solo spostarsi serenamente.

Ormai la mattina è una scommessa: mi metto a destra sperando che non ci sia l'idiota di turno che gira o mi metto a destra rischiando che qualcuno si butti a dx per evitare l'idiota di cui sopra per guadagnare la strada libera?

La cosa che mi lascia basito è che questi idioti mettono anche la freccia per svoltare a sx un po' prima così se tu dietro rimani bloccato, loro hanno la coscienza pulita perché hanno messo la freccia e magari rispondono anche male pretendendo ragione sul loro comportamento incivile.

Forse non sanno che se per una banale distrazione qualche malcapitato li tampona non potranno avanzare alcuna pretesa perché stavano commettendo un'infrazione ed al massimo avranno un misero 50% e 50%.

Spero che un giorno dei vigili (che sicuramente avranno altro di più importante da fare e non sono sarcastico!) possano dedicare del tempo a cercare di porre un argine a questo malcostume che ormai è quasi legalizzato.

 

Non sono d'accordo 10%
11 voti

chi vuole CRISTIANO RONALDO a TORINO

  Nessuna commento  •  05/07/2018  •  Garibaldo

 CRISTIANO RONALDO a TORINO, quindi in PIEMONTE e quindi in ITALIA

Non sono d'accordo 45%
9 voti

(Ri)denominazione della linea 63 in linea 14/

  1 commento  •  02/01/2018  •  Darth Lagan

A fine 2011 la linea 14/ venne rinumerata 63 e prolungata fino al capolinea di via Negarville andando a coprire parzialmente il percorso lasciato scoperto dalla cancellazione del vecchio 63. In questi anni, a causa della gestione disgiunta delle linee, vi sono stati continui disguidi dovuti ai frequenti accodamenti con la linea 14 (con cui condivide buona parte del percorso e i cui orari di passaggio sono intervallati con quelli della 63). Sicuramente la situazione ora è migliore rispetto ai primi tempi, ma sono ancora frequenti gli accodamenti soprattutto in ora di punta (07-09). Visto il cambio di giunta (fu l'assessore precedente a voler fortemente mantenere una linea con numerazione 63) mi chiedo se non sia giunto il momento di tornare ai "vecchi tempi" e riportare ad una gestione congiunta la linea 14-14/ permettendo di intervenire tempestivamente in caso di problemi su una delle linee e garantendo una certa regolarità dei passaggi durante la giornata.

Non sono d'accordo 63%
16 voti

MA un MAXISCHERMO per la PALLAVOLO ???

  Nessuna commento  •  25/09/2018  •  Garibaldo

Buongiorno Governo Cittadino, ma NESSUNO ha pensato a un MEGASCHERMO per i MONDIALI di PALLAVOLO ??? visto il successo della manifestazione basterebbero alcuni televisori sparsi qui e la per le piazze ! ! !

Non sono d'accordo 25%
12 voti

Parcheggiatori e venditori abusivi

  4 commenti  •  19/12/2017  •  Luciano Paganotto

Inutile dire che ad oggi sono una delle piaghe della città. Portapalazzo, lungo po, borgo dora, corso san maurizio!! Una volta lo facevano solo su piazze libere e nei parcheggi gratis, ad oggi anche in quelli a pagamento! 

Io da automobilista o pago il parcheggiatore o pago il comune! La differenza? Il comune non mi vandalizza l'auto se non lo pago!!! 

Altro punto scandaloso solo i venditori abusivi in tutta l area di via garibaldi e vie limitrofe.

I negozianti pagano fior di tasse per ritrovarsi l abusivo che vende borse false a due metri dal suo negozio?? Assurdo.

Cerchiamo di migliorare i controlli in ottica di combattere questi fenomeni. Cerchiamo di no  diventare  come Milano i  questo senso dove abusivi e parcheggiatori sono padroni!

Non sono d'accordo 5%
42 voti

Prolungamento tunnel Corso Spezia

  10 commenti  •  10/06/2018  •  Gregorio

Buongiorno,

il tunnel di Corso Spezia è stato costruito in occasione delle Olimpiadi 2006 e come tante altre opere si è trasformato da opportunità ad occasione perduta. Il progetto originale prevedeva infatti il collegamento tra Corso Unità d'Italia e Corso Galileo Ferraris sottopassando i binari ferroviari del Lingotto. L'intento iniziale, a mio parere corretto, era quello di alleggerire il traffico in zona Stadio Grande Torino, soprattutto in occasione di eventi pubblici, consentendo un rapido accesso alla tangenziale sud.

Purtroppo allo stato attuale l'opera risulta ancora parziale e sottoutilizzata limitandosi a collegare Corso Unità d'Italia al Lingotto a est dei binari.

Propongo di riprendere il progetto originale completando il collegamento con lo Stadio. Propongo inoltre di valutare un ulteriore prolungamento ad ovest di Piazza d'Armi, almeno fino all'incrocio con Corso Orbassano. Un collegamento di questo tipo garantirebbe una migliore viabilità non solo in prossimità dello Stadio ma anche nel quartiere Santa Rita e potrebbe essere anche l'occasione per riorganizzare l'area del mercato di Corso Sebastopoli.

L'eventuale realizzazione del sottopassaggio di Corso Maroncelli sarebbe fondamentale e complementare per la piena fruibilità dell'opera.

Non sono d'accordo 0%
31 voti

via nizza ok, ma via sacchi?

  Nessuna commento  •  19/06/2018  •  Esteve Dutto

Via Sacchi necessiterebbe di lavori di messa in sicurezza della terribile pista ciclabile, e di tutta la zona di casette fatiscenti che fanno scappare i turisti, perchè vedendole, si associa al luogo un'immagine pessima, quando invece per esempio, molti edifici sono di gran pregio (è addirittura presente un palazzo del Fenoglio ma pochi lo conoscono). Qualcuno più competente sa dare maggiori informazioni?

Non sono d'accordo 0%
15 voti

Basta proprietari di cani maleducati che sporcano, adesso smascherati e multati

  7 commenti  •  27/11/2017  •  lino.74

Manco farlo apposta trovo un dibattito simile al mio fatto poco fa da Alida, in realtà avevo preparato tutto già prima e l'avevo portato alla presentazione della piattaforma questa mattina pensando che ci fosse lo spazio per discuterne, visto che la mia soluzione è diversa la scrivo lo stesso:

Io suggerisco di portare a Torino un metodo che in altre città sta in gran parte risolvendo il problema delle deiezioni canine lasciate da proprietari maleducati che, oltre che sporcare i marciapiedi, sporcano anche i parchi frequentati  da bambini.

Prendendo spunto da una sperimentazione che in un quartiere di Napoli ha portato alla riduzione del 70% delle deiezioni in strada, anche nel Comune di Malnate (Varese) l’Amministrazione ha deciso che entro il 31 dicembre, tutti i possessori di cani residenti nel comune hanno l’obbligo di effettuare il test del DNA al proprio animale tramite prelievo di campione salivare. 

Tali informazioni consentiranno, una volta completata la banca dati, di risalire al proprietario maleducato e di sanzionarlo.

Non si tratta di una procedura difficile, basterà avere un regolamento, un laboratorio, e il gioco è fatto: una volta capito che non la si fa’ franca, pena una multa, tutti i proprietari dei cani saranno più accorti nel lasciare pulito il marciapiede o il parco così come l’hanno trovato. 

I costi non esagerati: sarà di circa 20/25 euro a testa ma, nel Comune di Malnate, la campagna per il prelievo del DNA sarà pagata, oltre che dalle sanzioni, anche dalla ditta che cura la raccolta della spazzatura poiché, a regime, ci sarà un risparmio anche per loro. 

Oggi, ogni uscita straordinaria per raccogliere le deiezioni in strada distoglie un operaio dal normale turno di pulizia mentre, con la riduzione delle deiezioni dei cani sui marciapiedi, sarà la stessa azienda a risparmiare tempo e lavoro.

Concludo riepilogando i vantaggi:

-    Città più pulita

-    Maggiore crescita del senso civico dei cittadini

-    Vantaggio per proprietari onesti: quest'ultimi si troveranno gratuitamente in possesso della mappatura genetica del loro animale: informazione utile sia per definire il pedigree o le razze di provenienza dei meticci, sia per risalire e prevenire l’insorgere di malattie genetiche.

Non sono d'accordo 14%
43 voti

Città inquinata

  1 commento  •  30/01/2018  •  Mauro

Leggo e sento in tv che Torino è la città piu' inquinata da polveri sottili. Forse ci sarebbe una soluzione, mettere nei tanti parchi che abbiamo in città una serie di grandi pale eoliche, che oltre a produrre energia per la città, provocano un tale spostamento d'aria ché le polveri automaticamente spariscono.

Non sono d'accordo 87%
15 voti

Eliminazione del Suk in città

  3 commenti  •  09/12/2017  •  Alida

vogliamo dibattere su questo argomento?

eliminazione del suk e incentivazione per riciclo:

che la maggioranza dei cittadini sia sfavorevole al suk, mi sembra lapalissiano.. Che a Torino,  Amiat svolga un servizio-attività orientata al riciclo di beni (bici, abiti) negli ecocentri, non  tutti lo sanno ... Come fare per far conoscere queste sedi .........volantinaggio? Come sensibilizzare l'amministrazione comunale affinché vengano potenziate/incentivate queste attività di riciclo con eliminazione dei vari suk/barattolo via Carcano e borgo dora ? grazie x suggerimenti e dibattiti costruttivi.

Non sono d'accordo 24%
21 voti

MULTE A CHI USA IL CELL IN AUTO

  12 commenti  •  24/10/2018  •  Mcbarros

Da circa un triennio utilizzo la bicicletta per gli spostamenti cittadini e posso direi certificare quanto sia pericolosissimo incrociare auto con autisti distratti dall'uso del cellulare. Chiedo a questa Amministrazione e alle Autorità comptenti di inviare mezzi a due ruote (biciclette, motociclette) della Polizia Municipale per elevare le sacrosante multe a chi si distrae al volante. Sta diventando una scelta epidemica e chiedo le opportune azioni di dissuasione.

Non sono d'accordo 9%
12 voti

abbonamenti GTT

  2 commenti  •  27/09/2018  •  nino

Sono d'accordo alla chiusura del centro alle auto estenderei il più possibile le zone pedonali .Dobbiamo rendere le città più vivibili e una delle soluzioni è favorire l'uso del mezzo pubblico .Ma per fare questo biogna anche renderlo competitivo e assolutamente conveniente.Gia l'dea del biglietto giornaliero a 3€ la ritengo eccezzionale ,buona ma inviterei a spingersi anche agli abbonamenti che non devono essere in base all' ISEE in quanto non è che il ricco inquina più del povero (poi non prendiamoci in giro in Italia non sempre un ISEE basso corrisponde ad un povero basta vedere le dichiarazioni dei redditi dei professionisti o gli articoli dei giornali dove i titolari di gioellerie dichiarano meno delle commesse quindi hanno un ISEE inferiore) se vogliamo favorire lìuso dei mezzi pubblici e fare abbonamenti (quindi diminuisci anche  gli evasori dei biglietti) devi far pagare un prezzo politico favorendo abbonamenti aziendali dove l'azienda si accolla parte della spesa oppure ai 65 enni dare a tutti, appena compiuto gli anni, un abbonamento annuale a prezzi simbolici   esempio 120€ annui. (10 € mese) sono certo che GTT incasserebbe di più perchè lo farebbero tutti ricchi e poveri ,così anche il ricco prende l'autobus e non va in centro in auto ad inquinare..

Non sono d'accordo 24%
13 voti

Macchine elettriche

  5 commenti  •  19/12/2017  •  MATTEO

Buongiorno a tutti

Secondo me mettendo colonnine per macchine elettriche Bluetorino davanti scuole asili nidi parco giochi ecc ecc facilita sicuramente la vita di chi usa questo servizio quindi piu colonnine in città e per il car scharing car go o enjoy si dovrebbe allargare di più arrivando in comuni limotrofi a torino e avere una copertura totale su torino.

Non sono d'accordo 9%
12 voti

Un evento a costi ridotti

  Nessuna commento  •  09/07/2019  •  michele schiavino

Esiste un evento che non causa molte emissioni, come olimpiadi ed universiadi (regole cio impomgono nuove strutture anche se le esistenti funzionano). Che non costa più di tanto evitando che aumenti il debito del territorio che lo organizza, che avrà attenzione mediatica internazionale  lo stesso. Sto parlando di un incontro ispiratomi dalllla giornalista scrittrice Giuditta dembech e dal leader buddista Daisaku Ikeda, grazie ai loro insegnamenti che si possono abbattere i muri con il dialogo. parlo di far incontrare il governo della Repubblica Popolare Cinese e il Dalai Lama. Perché cina e Tibet possono convivere. Ne sono così sicuro, che sono disponibile a metterci la faccia facendo personalmente da mediatore. Michele Schiavino

Non sono d'accordo 100%
1 voto

PIU' EUROPA - oppure - MENO EUROPA

  9 commenti  •  31/10/2018  •  Garibaldo

Grazie per il contributo (non servono commenti).

Non sono d'accordo 10%
10 voti

Abolizione iscrizione al servizio mensa, scuola elementare

  Nessuna commento  •  18/12/2017  •  Michele Patierno

Una tassa inconcepibile, l'iscrizione al servizio mensa dei piccoli studenti della scuola elementare.

Al costo del pasto bisogna aggiungere questa tassa senza senso, che incide non poco sui bilanci familiari.

Non sono d'accordo 62%
13 voti

Mc donald in Piazza Santa Rita = Puzza di fritto, sporcizia e schiamazzi.

  10 commenti  •  24/07/2018  •  Andrea71

Sin dalla costruzione del santuario di Santa Rita da Cascia, la Piazza è sempre stata sinonimo di una zona tranquilla e pulita, in cui vivere bene e serenamente.

Adesso no, non più, perchè qualcuno ha avuto la bella idea di aprirci un fast food, che ha portato puzza di fritto, sporcizia e schiamazzi sino a tarda ora, visto che l'orario di frittura si protrae in alcuni giorni fino all'una di notte.

La puzza di fritto prodotta, di per sè fastidiosa anche solo per i passanti o per chi si siede sulle panchine a far due chiacchiere, raggiunge livelli intollerabili nelle abitazioni presenti nelle vicinanze, al punto da costringere a restare con le finestre chiuse, al fine di non appestare con questi olezzi le proprie case e di limitare i rumori.

Forse sarebbe stato più opportuno destinare quegli spazi ad altre attività, magari per migliorare la qualità della vita dei residenti, dei passanti e dei fedeli che si recano in visita al Santuario, con un particolare occhio di riguardo per anziani e bambini, che sono la nostra storia ed il nostro futuro.

Non sono d'accordo 39%
36 voti

Aiuto sui dibattiti

Crea un tema sul quale dibattere su qualsiasi argomento che intendi condividere con gli altri abitanti della tua città.

Per creare un dibattito è necessario registrarsi su DecidiTorino

I dibattiti possono essere valutati utilizzando i pulsanti Sono d'accordo o Non sono d'accordo che si trovano accanto a ciascuno di essi. Puoi anche valutare i commenti che sono già stati proposti.

Vi ricordiamo che l'area dibattiti è una zona di libera discussione tra utenti. Per formulare proposte di cui la Città si impegna a valutare tecnicamente la fattibilità, anche in termini di risorse, è attiva la sezione Proposte dove potranno essere formulate idee e progetti da commentare ed appoggiare.

Il titolo e il testo dei dibattiti che hanno ricevuto almeno 1 appoggio, non potranno più essere modificati dal proponente.